Il Blog di MARIO ONESTI

Il Blog di MARIO ONESTI L'Impegno e la Coerenza di una Vita

I FIGLI DI TABUCCHI

Autore: MARIO ONESTI | Scritto in: Argomenti vari Domenica Dic 20,2015

propongo ai miei vecchi e fedeli lettori di partecipare attivamente a questo progetti che vi assicuro è molto interessante:LEGGETE E PARTECIPATE, vi ringrazio anticipatamente

https://www.produzionidalbasso.com/project/i-figli-di-tabucchi-italiani-a-lisbona/.

 

I figli di Tabucchi – Italiani a Lisbona -

109 sostenitori
5 giorni rimanenti
 
 
SOCIAL
 
  • Ancora 5 giorni per sostenerci e per vedervi il film in streaming o scaricarvelo sul vostro computer.
    Dai!!!
     
    13 ore fa
  • Il primo film sugli italiani a Lisbona è disponibile solo fino a Natale! – O primeiro filme sobre os italianos em Lisboa só está disponível até ao Natal!
     
    3 giorni, 20 ore fa
  • Per vedere il film completo – To watch the full movie: http://linkpdb.me/9141
    Fate presto! Il crowdfunding termina a Natale!
    Hurry up! The crowdfunding will end on Christmas Day!
     
    5 giorni, 18 ore fa
  • “Una confessione preliminare: vedere questo documentario, il primo che racconta la storia di diversi italiani arrivati a Lisbona a partire dalla metà degli anni novanta, è stata una sorpresa non indifferente. Una sorpresa perché, in modo originale e limpido, le storie di questi italiani approdati nella capitale portoghese mostrano le mille sfaccettature che in quella città si possono toccare con mano”.
     
    1 settimana, 3 giorni fa
  • “Un documentario indipendente racconta le vite degli italiani a Lisbona”.
     
    1 settimana, 4 giorni fa
  • Per vedere il film completo – To watch the full movie: http://linkpdb.me/9141
    Fate presto! Il crowdfunding termina a Natale! – Hurry up! The crowdfunding will end on Christmas Day!
     
    2 settimane fa
  • Siamo su Radio 105 !!!
     
    2 settimane, 4 giorni fa
  • Sonia Cancian, an Assistant Professor at Zayed University in Dubai and a researcher at the Immigration History Research Center of the University of Minnesota, just wrote to us these wonderful words. Grazie mille Sonia!
    What else we can say? Watch the film if you still didn’t! You can find it here: http://linkpdb.me/9141with English or Portuguese subtitles. Enjoy!”Dear Daniele, Massimiliano, and Luca,
    I just finished watching your documentary film. Superb! I so very much enjoyed it. You covered so much territory in your approach, in the landscape, the photography, and in the constellation of Italian voices that you bring to the screen. We get to know each of them, and like them. Their experiences and their telling of their stories makes this film both fascinating and enriching of the migrant experience and the Italy/Portugal connection.
    A fascinating documentary film. Complimenti!!!”

     
    2 settimane, 5 giorni fa
  • Oggi siamo su Quotidiano.net
     
    2 settimane, 6 giorni fa
  • Grazie anche a Terzobinario.it
    Ricordiamo che per continuare a sostenerci, trovate tutte le info qui: https://www.produzionidalbasso.com/project/i-figli-di-tabucchi-italiani-a-lisbona/
     
    3 settimane fa
  • “I Figli di Tabucchi – Italiani a Lisbona”, o primeiro filme documentário sobre os italianos em Lisboa
     
    3 settimane, 2 giorni fa
  • Un’amica de “I Figli di Tabucchi – italiani a Lisbona”, ha intervistato uno degli autori del primo documentario sugli italiani a Lisbona.
    Grazie davvero, “Sara Stampa” :-)
     
    3 settimane, 3 giorni fa
  • Ci ha chiamato “La Lisbon story degli italiani” e ovviamente ci fa piacere!
    Grazie davvero Left :-)
     
    3 settimane, 4 giorni fa
  • “Una produzione homemade, che mette in risalto pregi e difetti, storie, emozioni e vitalità di tanti nostri connazionali che hanno una vita nuova in questo serraglio di Europa”.Grazie a l’Unità per aver parlato oggi del nostro documentario, attraverso un’intervista a uno degli autori del film. Ringraziamo ovviamente anche l’autore dell’articolo, Massimiliano Coccia“

     
    3 settimane, 6 giorni fa
  • Grazie davvero a Canto dos prazeres e Giulia Baglini per aver parlato del nostro documentario.
     
    4 settimane fa
  • O filme encontra-se agora TAMBÉM disponível com legêndas em português! Quem o quiser comprar pode fazê-lo com uma pequena contribuição na nossa página crowdfunding http://linkpdb.me/9141e enviando um email a pedir pela versão em PT. Obrigado!Il film è adesso disponibile ANCHE con i sottotitoli in portoghese! Chi lo volesse comprare deve solo lasciare un piccolo contributo nella nostra pagina crowdfunfing http://linkpdb.me/9141 e inviare una mail per richiedere la versione in PT. Grazie!

     
    4 settimane, 1 giorno fa
  • Si parla del nostro film anche in SpagnaGracias Agencia EFE

     
    1 mese fa
  • Grazie a tutti per aver partecipato massicciamente alla proiezione del nostro film sabato scorso!
    Obrigado a todos por ter participado massivamente à projeção do nosso filme no sábado passado!
     
    1 mese fa
  • Uno dei protagonisti de I Figli di Tabucchi – Italiani a Lisbona (ha messo a disposizione alcune sue musiche per il docufilm)
    è Mick Mengucci https://www.youtube.com/watch?v=IdU3UtgV_hk
     
    1 mese fa
  • oh ragazzi non riesco ad acquistare il film…mandatemi istruzioni al battinogiovanni@gmail.com…grazie
     
    1 mese fa
  • E oggi siamo anche sulla stampa nazionale!!!
     
    1 mese fa
  • Grazie a Il Becco per aver parlato del nostro film :-)
     
    1 mese fa
  • “Cari videomaker all’ascolto… stravolgere le regole del crowdfunding si può e del resto le regole sono fatte proprio per questo…”
     
    1 mese fa
  • Esto sabado, dia 14 de Novembro às 20h, no Ateneu, Rua das Portas de Santo Antão 110, em Lisboa, no ámbito do Festival Imigrarte, na Sala “Aqui tens voz!”, vai estreiar o primeiro filme sobre os italianos em Lisboa, I Figli di Tabucchi – Italiani a Lisbona, legendado em português. Entrada livre.
     
    1 mese fa
  • “Os filhos de Tabucchi” (legendado em português) vai ser apresentado pela primeira vez em Lisboa amanhã, dia 14 de Novembro, às 20 horas, no Ateneu (Rua das Portas de Santo Antão 110), no âmbito do Festival Imigrarte, Sala Aqui tens voz. A entrada é livre.
    Esperamos por vocês!”I figli di Tabucchi” (con sottotitoli in portoghese) verrà presentato per la prima volta a Lisbona domani, 14 novembre, alle 20, presso l’Ateneu (Rua das Portas de Santo Antão 110), nell’ambito del Festival Imigrarte, Sala Aqui tens voz. L’ingresso è libero.
    Vi aspettiamo!

     
    1 mese fa
 

IL PRIMO FILM SUGLI ITALIANI A LISBONA

O PRIMEIRO FILME SOBRE OS ITALIANOS EM LISBOA

THE FIRST FILM ABOUT ITALIANS IN LISBON

Invieremo il link alla vostra email entro 24 ore, una volta ricevuto il compenso!

We will send you the link by email within 24 hours, once we receive the donation!

O filme encontra-se agora TAMBÉM disponível com legêndas em português!

Quem o quiser comprar pode fazê-lo enviando um email a pedir pela versão em PT. Obrigado!

«In due mesi pensavo di diventare il re di Lisbona!»

(Ronaldo, attore)

«Ci siamo molto incuriositi di questo paese misterioso, il paese di Pessoa e della saudade.»

(Clelia, traduttrice)

«Qui è possibile essere italiano come negli anni ’50 a Napoli…»

(Mick, musicista)


“I figli di Tabucchi” è il primo documentario sugli italiani a Lisbona, realizzato da Luca Onesti, Massimiliano Rossi e Daniele Coltrinari.

La nostra è una produzione totalmente indipendente. Nel corso di questi ultimi 3 anni, per la preparazione, la realizzazione e la diffusione del documentario abbiamo sostenuto diverse spese, tra le quali:

? viaggio e alloggio

? attrezzature audio/video

? montaggio

? traduzioni

? promozione web

La nostra è una raccolta fondi semplice e diretta, senza fronzoli: vi chiediamo un piccolo contributo di 6 euro per assistere al film in full HD in streaming, oppure di 10 euro per poterlo scaricare. Per sostenerci cliccare su Ricompense e scegliere streaming o download (per scaricare il film dovete accedere con un account gmail). Invieremo il link alla vostra email entro 24 ore, una volta ricevuto il compenso. Il film è sottotitolato in inglese.

Buona visione!

 


  • Commenti disabilitati

Maccarunera


Una “Medaglia d’Onore” a Giuseppe TAGLIANETTI “Deportato di Guerra”

Al PRESIDENTE DEL CONSIGLIO  DEI  MINISTRI – Comitato per la concessione di una medaglia d’onore ai cittadini italiani deportati e internati nei lager nazisti (art.1,comma 1271-1276,legge n°296 del 2006). Via della Mercede,9 – 00187 ROMA.


Ogni anno il 2 Giugno per la Festa della Repubblica Italiana i protagonisti sono loro: i nuovi “cavalieri” e “commendatori”. Tra i premiati il campagnese VITO MAGLIO

In provincia di Salerno sono stati conferiti 43 diplomi di onorificenza al merito a cittadini che si sono particolarmente distinti, con la loro attività, in diversi settori della società. Tra di loro il campagnese Vito Maglio, da tutti comunemente chiamato “il falco”. Il Cav. Maglio si arruolò, circa 40 anni fa, nel corpo delle guardie di pubblica sicurezza e fu subito assegnato alla scuola allievi guardie di P.S. con sede in Trieste. Fu prima trasferito al primo Reparto Celere di Roma dove fu assegnato al gruppo squadre volanti. Ha frequentato un corso di specializzazione antisabotaggio ad Abbasanta (Oristano) e quello di polizia giudiziaria presso la scuola Polgai di Brescia, passando così alla squadra investigativa. Solo nel 1983 arriva alla Questura di Salerno, assegnato ai servizi investigativi della squadra mobile, dove conseguì la patente di guida per moto e fu assegnato alla squadra “falchi”, con attività antiscippo e narcotici. Nel 1995 fu assegnato alla sezione reati contro il patrimonio della squadra mobile e nel 2002 fu trasferito presso il commissariato della Polizia di Stato di Battipaglia, dove fu assegnato alla polizia giudiziaria sezione anticrimine. Nelle diverse sedi in cui ha prestato servizio ha sempre riscosso stima e plauso dai superiori e dai colleghi; ne sono testimonianza gli elogi e le parole di lode ricevute dal Capo della Polizia e dal Questore di Salerno, ricevendo anche premi in denaro come ricompense di operazioni di polizia giudiziaria. Nel 1997 ha ricevuto un attestato di gratitudine dal vescovo Monsignor Gioacchino Illiano della Diocesi di Nocera e Sarno. Nel 2007 gli veniva conferita la medaglia d’oro al merito di servizio e solo il 1° aprile 2008 ha cessato il servizio attivo per il pensionamento. Da qualche mese collabora attivamente con la sezione A.N.P.S. di Campagna, presiedendo il gruppo motociclisti denominato “centauri”. All’amico Vito giungano felicitazioni vivissime per l’alta onorificenza ricevuta dal Presidente della Repubblica e congratulazioni e auguri alla moglie Gabriella, ai figli Maria Grazia e Demetrio da parte di Carmine Granito, addetto stampa della sezione A.N.P.S. di Salerno e portavoce del comitato “Giovanni Palatucci” di Campagna, presieduto da Michele Aiello. A ciò si unisce dal suo Blog il giornalista e scrittore Mario Onesti.

   Salerno ha festeggiato i 69 anni dal­la proclamazione della Repub­blica in una piazza Amendola colorata da stemmi e bandiere appartenenti alle forze dell’or­dine e militari della provincia di Salerno, accompagnate dall’immancabile tricolore. In un soleggiato martedì, sulle note dell’inno di Mameli e del Nabucco di Verdi riproposte dall’orchestra del liceo Alfano I di Salerno, sono state le isti­tuzioni salernitane ad alter­narsi sul palco, per i consueti saluti e per consegnare le oltre quaranta onorificenze al meri­to. Su quello stesso palco, do­ve poche ore prima il neo elet­to presidente della Regione Campania, Vincenzo De Lu­ca, salutava i suoi amici ed elettori, sono stati il vice pre­fetto vicario di Salerno, Gio­vanni Cirillo, il presidente del­la Provincia, Giuseppe Canfo­ra e il sindaco Vincenzo Napo­li – quest’oggi con la fascia tri­colore indosso – a fare gli ono­ri di casa e ricordare l’importanza di questa giornata stori­ca. Approfittando della solen­ne manifestazione, il sindaco Napoli non ha mancato di rin­novare gli auguri a De Luca, mentre più canonico l’inter­vento di Canfora che ha ricor­dato il sacrificio di quanti si batterono per l’Unità e, in se­guito, per la liberazione dalla dittatura nazi-fascista. E’ toc­cato poi al vice prefetto Cirillo dare il via al momento fatidico della mattinata, con il rito dell’alzabandiera seguito poi dalle premiazioni. Sono stati 43 i nuovi Cavalieri della Re­pubblica invitati a salire sul palco per ricevere l’onorificen­za. Quattro invece le medaglie d’onore concesse alla memoria a valenti personaggi, che in vita si sono distinti per partico­lari atti di coraggio, durante la Seconda Guerra Mondiale o in altre occasioni. Una infine la decorazione con la meda­glia d’oro, per atti di valore al militare Daniele Marra, ferito nel 2006 durante l’attentato ad Herat, in Afghanistan. La cerimonia si è conclusa con. l’acrobatica calata dei vigili del fuoco del comando provin­ciale di Salerno, che hanno di­steso un grande tricolore dal tetto del palazzo della Prefet­tura. Grandi applausi per l’at­terraggio dei tre vigili, a con­clusione di una mattinata già intensa d’ emozioni.

   Ecco la Lista delle Quarantatré onorificenze ai salernitani: “Cavaliere della Repubblica”: Angelo De Cesare, Damiano Lanzalotti, Nunzio Santo Marchese, Francesco Enrico Raciti, Salvatore Giordano, Gennaro Piccirillo, Vito Maglio, Giuseppe Salzano, Massimo Di Franco, Antonio Costa, Lucio Giannattasio, Giovanni Guerra, Pasquale Salviati, Francesco Saverio Della Bella, Giuseppe Riitano, Carlo De Riso, Michele Avagnale, Salvatore Battipaglia, Alessandro Buscema, Salvatore Imparato, Isidoro Serio, Giuseppe Capriglione, Luigi Gioia, Luca Romeo, Vincenzo Vuolo, Francesco Di Mauro,Vincenzo Pagano, Biagio Peluso, Eugenio Rocchetto, Massimo Avallone, Antonio Bove, Vincenzo Ferrara, Tommaso Gaudieri, Sergio Raimo, Umberto Vitolo, Michele Conte e Antonio Pellegrino. “Commendatore della Repubblica”: Ugo Picarelli e Salvatore Sica, mentre diventa “Grande Ufficiale” Raffaele Aiello. Diploma di “Ufficiale della Repubblica” a Giorgio Selvaggi, a Francesco Botte e a Ciro Turco.

Servizio a cura di Mario Onesti (IL SAGGIO – Anno XX, N. 232 – Luglio 2015, Pag. 15)

 

 

 

 




Programma ESTATE CAMPAGNESE

Autore: MARIO ONESTI | Scritto in: Argomenti vari, Internet, Primo piano, Società Mercoledì Lug 15,2015

 


Campagna – CHIENE 2015

Autore: MARIO ONESTI | Scritto in: Argomenti vari, Internet, Primo piano, Società Mercoledì Lug 15,2015

Cartolina trentennale della Chiena – Campagna (1985–2015)

   CHIENA 30° intende storicizzare il trentennale della Chiena a Campagna attraverso tutti coloro che hanno percorso e vissuto questo evento. Potete postare in questa pagina tutto ciò che ritenete opportuno e appropriato per formare una banca dati da trasferire in un catalogo cartaceo e virtuale.


 


40 Anni dopo la Rivoluzione dei Garofani  - di Daniele Coltrinari e Luca Onesti

Documentario “I figli di TABUCCHI”

   In Portogallo c’è una profonda recessione. I portoghesi emigrano nelle ex colonie per cercare lavoro. Nonostante questo gli italiani continuano ad emigrare a Lisbona. Perché? Di questa scelta in controtendenza racconterà il film in fase di ultimazione, I figli di Tabucchi. Un documentario girato da un fotografo, un traduttore e un giornalista, tutti e tre italiani emigrati in Portogallo. Il film racconta le storie delle generazioni di italiani emigrati a Lisbona, dove attualmente i portoghesi stanno cercando di sopravvivere alla crisi economica. Il titolo racchiude l’omaggio a Antonio Tabucchi, scomparso nella capitale portoghese il 25 marzo di un anno fa.

   “Ci stavamo raccontando di Lisbona, dei tempi trascorsi durante l’Erasmus fatto anni prima, eravamo ancora a Roma a un compleanno di un amico” spiega il giornalista Daniele Coltrinari, che ha realizzato il film assieme al fotografo Luca Onesti e al traduttore Massimiliano Rossi. Anche gli autori, come le persone che intervistano nel film, sono emigrati la scorsa estate in Portogallo per realizzare il loro progetto e per trovare altre opportunità di lavoro. Perché  a volte “la perdita di un lavoro (precario) non può fare altro che farti diventare ancora più precario di prima e così siamo partiti”, racconta Daniele. “Mi piacciono le storie. Sono anche un ottimo ascoltatore di storie. So sempre, anche se a volte resta vago, quando un’anima o un personaggio sta viaggiando in aria e ha bisogno di me per raccontarsi”, scriveva Antonio Tabucchi. Massimiliano Rossi, che da diversi anni risiede alcuni mesi dell’anno a Lisbona dove insegna italiano, ha convinto Daniele e Luca a raggiungerlo e a investire con lui gli ultimi risparmi per iniziare le riprese, che sono cominciate a settembre del 2012. “Il film sarà una pellicola indipendente che presenteremo ai festival del cinema portoghesi, italiani e internazionali – raccontano i tre autori, tutti trent’enni -. Attualmente stiamo completando le ultime interviste, prima di iniziare la fase di montaggio. Per chiunque voglia partecipare con un racconto o contribuire in altre forme al documentario, può contattarci a lisbonablogger@gmail.com”.

Chi sono allora gli italiani che emigrano a Lisbona? Per trovare o costruirsi un lavoro. Sembra un paradosso, più che mai di questi tempi, ma è soprattutto di questo che parlerà il film. Una delle principali ragioni è quella di imparare la lingua, perché il portoghese è parlato da più di trecento milioni di persone nel mondo e le economie emergenti in questo momento sono i paesi come il Brasile, l’Angola e il Mozambico in cui si parla il portoghese.  Dall’altro lato c’è un fattore legato alla lingua italiana, che in qualche modo torna utile oltre che per lavori di traduzione o nella ristorazione, ma anche se si tratta di lavorare per le multinazionali che delocalizzano nel paese e cercano personale che parli italiano nei callcenter. Questa situazione la spiega bene la storia di Ilaria Federici, anche lei trentenne, emigrata a Lisbona per lavorare in italiano nel callcenter di una multinazionale, con una laurea e un master in tasca e un lavoro precario lasciato in Italia.

“La notte è calda, la notte è lunga, la notte è magnifica per ascoltare storie”, scriveva Tabucchi su Requiem, Sono loro i protagonisti del documentario, le generazioni figlie di Antonio Tabucchi “uno scrittore che riesce a descrivere molto bene lo straniamento di chi vive fuori dal suo ambiente naturale, declinandolo però in un senso positivo: ti fa sentire allo stesso tempo lontano e a casa propria – spiega Luca Onesti – I libri di Tabucchi sono fatti per chi ama viaggiare, per questo più generazioni di italiani in Portogallo si riconoscono un po’ in lui, perché per molti la scelta di vivere qui non è stata solo quella delle opportunità di carriera, di lavoro, di studio. Queste motivazioni sono importanti ma sono attraversate da situazioni e relazioni più impalpabili, che sono le stesse che spingono le persone che amano i viaggi a partire, che sono difficili da spiegare, più facili da provare. Sono le motivazioni di chi cerca di realizzare il proprio sogno”.

Per raccontare le cronache di Lisbona, Daniele Coltrinari e Luca Onesti hanno aperto il blog Sosteniamo Pereira, in cui raccontano delle proteste contro l’austerity, delle alternative che offre il Portogallo e la società lusitana, dei mezzi di trasporto, di sport e eventi culturali. “Un diario online su quello che accade nella capitale portoghese che abbiamo aperto quando avevamo capito che saremo rimasti qui per diversi mesi”, spiega Daniele. Il documentario I figli di Tabucchi sarà anche un viaggio in Portogallo, nella crisi che stanno vivendo i portoghesi assieme a tutti gli stranieri che abitano nel paese. Dove accade che “quando le speranze sono finite, non resta che appellarsi alla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo- scrive Daniele Coltrinari in un articolo su Lettera43 – Succede anche questo nel Portogallo piegato da cinque anni di recessione, sopraffatto dai debiti e in cui quasi un cittadino su quattro è senza lavoro. I disoccupati in terra lusitana sono il 17 per cento della popolazione: il record dai tempi della fine della dittatura, nel 1974. Allora ci si appellava alla Carta universale per chiedere libertà e democrazia, oggi s’invoca per chiedere dignità” – Ffoto di Chiara Zaratin, Rua Elevador da Bica, Lisbona.

   I Figli di Tabucchi è un documentario di Luca Onesti, Daniele Coltrinari e Massimiliano Rossi che racconta la comunità italiana di Lisbona. Perché gli italiani continuano a trasferirsi numerosi in Portogallo, un paese in forte crisi economica?. La proiezione del documentario sarà occasione per parlare di mobilità giovanile con il presidente del Forum dei giovani di Campagna, Marika Cioffi, con la professoressa Antonietta Giorgio e gli alunni dell’Istituto “Teresa Confalonieri”. L’appuntamento è alle ore 18 del 17 Aprile nella Sala Conferenze “Gelsomino D’Ambrosio”, via Antonio Vincenzo Rivelli 9, a Campagna centro storico. Per approfondimenti, curiosità, informazioni sul Portogallo e per leggere le nostre interviste e reportage potete consultare il sito www.sosteniamopereira.org o iscrivervi alla pagina facebook Sosteniamo Pereira. Vi invitiamo ad essere presenti anche in mattinata, alle ore 10 del 17 Aprile 2015, all’”Istituto T.Confalonieri”, dove parleremo di “Rivolte e Rivoluzioni”. I ragazzi dell’Istituto, coordinati dalla professoressa Antonietta Giorgio, hanno presentato un lavoro sull’Illuminismo e la Rivoluzione Francese. Una parte della loro presentazione, in lingua francese, è stata curata dal prof. Angelo Olivieri. Luca Onesti, giornalista e autore dell’ebook 40 anni dopo la Rivoluzione dei Garofani, ha raccontato invece la Rivoluzione portoghese del 25 aprile 1974. Marika Cioffi, presidente del Forum dei giovani di Campagna, ha parlato delle possibilità di mobilità e di aggregazione che offre il Forum dei Giovani. C’è stato anche un intervento musicale, Ivan Forlenza, sassofonista, accompagnato dal prof. Rocco Celentano al pianoforte, che ha proposto un’interpretazione della canzone simbolo della Rivoluzione portoghese, “Grândola, Vila Morena”, del cantautore José Afonso.

   Prefazione degli Autori - Il 25 aprile, per una coincidenza della storia, si festeggia anche in Portogallo. In Italia, dal 1945, è la festa della liberazione dall’occupazione nazista e della fine del fascismo. Ventinove anni dopo, nel 1974, questa data divenne storica anche in Portogallo. Ci fu, infatti, un colpo di stato incruento da parte dell’ala progressista delle forze armate, ribattezzatasi MFA (Movimento das Forzas Armadas), che diede fine alla dittatura di Marcelo Caetano, che era succeduto a Salazar, morto nel 1970. Quest’anno, 2014, il Portogallo e in particolare la città di Lisbona, festeggiano il 40° anniversario e vi sono diversi appuntamenti (dibattiti, conferenze, mostre) per ricordare una data storica per la popolazione portoghese.

Cos’è oggi il Portogallo, quarant’anni dopo?

   Una nazione che dal 2011 si è vista costretta a chiedere un piano di aiuto da 78 miliardi – che si è concluso a metà maggio circa, tornando così il paese a finanziarsi sui mercati – sotto il controllo della Troika (la delegazione formata dagli emissari di Banca Centrale Europea, Fondo Monetario Internazionale e Unione Europea). Se il programma di assistenza è arrivato ai termine, la situazione finanziaria dello stato rimane complicata.. Il debito pubblico portoghese in rapporto al PIL è ormai al 130%, ed è considerato insostenibile da alcune personalità – i firmatari del cosiddetto “manifesto dei 70″ – appartenenti o comunque vicine all’area culturale di diversi schieramenti politici portoghesi. E, nondimeno, la situazione economica delle famiglie, dei giovani, dei lavoratori è delle più difficili dalla fine della dittatura. La disoccupazione continua a salire e allo stesso tempo c’è una forte emigrazione verso il nord Europa ma anche verso le ex colonie portoghesi che negli ultimi anni hanno fatto registrare una forte crescita economica, Angola, Mozambico e Brasile su tutte.

   Il lavoro presentato è stato una raccolta di interviste e dì articoli scritti nella prima parte del 2014, a quarant’anni dalla Rivoluzione, quando la stessa volontà di protestare e di lottare per un diverso tipo di politica economica sembrano essersi affievolite nella stessa popolazione. Anche se non sono mancate delle vittorie sindacali importanti, come quella degli “estivadores” (i portuali). Abbiamo infatti intervistato in esclusiva António Mariano, presidente del sindacato dei portuali di Lisbona e ci siamo fatti raccontare quella che alcuni considerano una “lotta di classe” contemporanea, una mobilitazione su scala internazionale.

   Altra intervista proposta è quella a Raquel Varela, storica e autrice di diversi libri sulla Rivoluzione dei Garofani e sul ruolo del popolo durante i processi rivoluzionari. Inoltre, abbiamo seguito da vicino le proteste dell’esercito e della polizia portoghese, corpi della sicurezza nazionale che hanno sempre avuto un ruolo fondamentale nella storia di questo paese e che negli ultimi mesi sono scesi in piazza per protestare. Siamo stati anche all’Associazione José Afonso, per farci raccontare la storia del cantautore più importante della Rivoluzione portoghese.

   Abbiamo infine intervistato Joao Antonio Andrade da Silva, ufficiale dell’esercito che ha partecipato al “movimento dei capitani”, l’ala dell’esercito che ha messo in atto il colpo di stato che ha rovesciato il regime, ed è stato in seguito uno dei militari che hanno partecipato, in Alentejo, alla riforma agraria. Un lavoro corredato da una raccolta di fotografie di Luca Onesti. Alcune sono state scattate durante le tante manifestazioni a cui i tre autori sono stati presenti e altre sono state dedicate al progetto “40 anos 40 murals”, organizzato dall’Assoclao “Portuguesa” de Arte Urbana, che ha voluto celebrare l’anniversario del 25 aprile dando nuova vita ai murales politici portoghesi del periodo della Rivoluzione.

   Il Libro Digitale (ebook) scritto da Luca Onesti, insieme a Daniele Coltrinari, è acquistabile a questo Sito: http://www.ilbecco.it/component/content/article/2-non-categorizzato/7-acquista-ebook-rivoluzione-dei-garofani.html

Mario Onesti (“Il Saggio – Libri, Poesia, Arte” – 123/ 231 – Giugno 2015 – Pagg. 16/17)


Calendario

Giugno: 2016
L M M G V S D
« Dic   »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Clock

Get Adobe Flash player

Gallery

Nino Aiello [1] Nino Aiello [22] Campagna [16] Campagna [7]

Il mio profilo

Nome: MARIO, aka "monesti@tiscali.it"

E-mail:

Sito Web: http://monesti.blog.tiscali.it

Biografia: MARIO ONESTI Nickname : monesti Data di nascita : 21/08/1950 Indirizzo: Corso Vittorio Emanuele III, 94 Città: Campagna (Salerno) Nazione: Italia Telefono: 082846518 Cellulare: 3331690861 Contatto msn: monesti@tiscali.it Facebook: http://www.facebook.com/monesti PARLO DI ME...

Contatore

  • 1085170 Visitatori

Clock

Get Adobe Flash player
echo '';